Chi sono e cosa faccio

Mi chiamo Samantha e mi occupo di città, educazione ed arte.

Sono cresciuta a Milano negli anni ’90 in un quartiere semiperiferico, a Lambrate.

Qui ho frequentato le scuole dove ho avuto la grande fortuna di incontrare buoni insegnanti, alcuni così eccezionali che mi hanno fatto innamorare di quello che studiavo. Ho quasi perso la testa per la bellezza di imparare, la bellezza di essere curiosi, la bellezza di sapere che posso impegnarmi per capire chi sono.

La città mi ha dato la libertà di vedere le diversità, di imparare a convivere con altre culture, di scoprire la storia della comunità dove vivevo.

La mia famiglia mi ha permesso di viaggiare e di conoscere la terra di mio padre, la Sardegna, la terra di mia nonna, l’Alto Garda bresciano e culture lontane, a undici anni sono stata per un mese nelle filippine in un villaggio CISV senza genitori.

Ho imparato ad amare le differenze, a capire che le differenze hanno sempre ragioni antiche e che non devono fare paura. Ho imparato a rispettare le tradizioni altrui, perché anche noi non rimarremo sempre uguali a noi stessi e dovremo imparare a capirci.

Ho studiato urbanistica al Politecnico di Milano: ho scoperto l’importanza dello sguardo territoriale.

Ho lavorato nell’albergo della mia famiglia: ho imparato a vedere il viaggiatore nascosto dietro il turista.

Ho avuto due bambini e ho scoperto la felicità nel trasmettere la nostra storia ai nuovi cittadini del mondo.

Il 26 Novembre 2016 con la mia famiglia mi sono trasferita in Silicon Valley e da subito ho sentito la necessità di raccontare – raccontarmi- cosa vedevo, cosa capivo di questa terra che tanti definiscono ‘una bolla’.

Così nasce questo blog che ha preso tante forme e che adesso mi sono rimessa a modellare. Principalmente racconto della mia vita di mamma a tempo pieno e delle mie esplorazioni suburbane che mi hanno fatto, piano piano, costruire un’idea di cosa sia questa tanto celebrata Silicon Valley.

All’inizio ho cercato di pubblicare settimanalmente, poi mi sono un po’ persa, poi ritrovata, poi persa: life happens, come dicono qui.

Però in questi anni ho messo dei piccoli semi (semi di porpora, per l’appunto); alcuni sono germogliati, altri … chissà! Ecco una lista dei semi piantati, ossia le varie rubriche di cui si compone il mio racconto:

  1. ‘Silicon City’ dove racconto della mia vita in Silicon Valley e dove cerco di dare un senso a quello che vedo;
  2. ‘Luoghi notevoli’ dove racconto delle mie esplorazioni di biblioteche (una più bella dell’altra), playground (curatissimi, puliti, con giochi veramente originali), parchi e luoghi che ospitano qualcosa di speciale;
  3. ‘Non dire mamma’ dove racconto la mia esperienza di mamma full time, di come organizzo momenti di gioco, di esplorazione artistica e di come sto imparando a fare la mamma.
  4.  ‘Semi’ dove metto tutti i semi che raccolgo e che un giorno, forse, diventeranno altro.
Annunci

6 risposte a "Chi sono e cosa faccio"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...